Una.notte.una.

But she’s had a sugar daddy and a candy apple caddy
And a bank account and everything accustom to the finer things
He probably left her for a socialite
And he didn’t love her except at night

Mi ricordo chiaramente, di quella notte.  Avvolta nell’abito lungo. Svettante sui tacchi alti, incerta se sciogliere i capelli in maniera selvaggia o continuare a tenerli su come un prezioso castello di carte.

E ricordo la musica, un blues, era Tom Waits. Credo. E le tue mani, quelle si, le ricordo fin sotto la pelle, mentre signore infiocchettate seguivano invidiose  quello scavare con le dita nella mia schiena, sulla carne spoglia.

Tom cantava, cantava. La voce dell’anima, nel fumo dei sigari. I vecchi di cartapecora si mordevano quanto restato delle labbra, e tu incedevi, stringendomi passo. Dopo. Passo. Non capivo se immaginassero la tua voglia attaccata al mio vestito o provassero più a simulare il tuo sguardo sulle mie labbra.

E fuori, le stelle. E la città, che urlava. E le bolle. Nel calice. Al tavolo.

Noi, fra la gente, facendo l’amore nel giro di un lento. Scoprendoci giocosamente fra i capelli, ritrosi e ambiziosi, strusciando corpi tra coperte di seta come nei campi di grano al chiaro di luna.

Dissolvenza.

Un blues ancora nella testa. Il tuo sesso fino dentro al cuore, i miei seni fra le mani. La voce di Tom, ad ogni tuo respiro ed un gemito appoggiato a quel muretto, nel buio, con gli alberi curiosi e perversi. Ti sei confuso nelle radici, ho smarrito  i tuoi occhi. Ti ho sentito animale e perso, realizzando quella danza a luci soffuse… mordendomi,  soffiandomi passione nelle orecchie. L’acconciatura è caduta con l’abito, il cielo si è schiantato nella fuga del piacere.

La musica è finita, il brivido  ha percorso ogni senso.

Piena del tuo profumo ho detto “grazie. Ciao.” in un sorriso triste.

E tu mi hai portata con te, nuda, chiusa nel portabagagli. Rapita per sempre. Insieme al sogno di una.notte.una.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Uncategorized

5 risposte a “Una.notte.una.

  1. Sogno o realtà?

    In fondo non è importante saperlo, se puoi ricordarti le emozioni

    Jak

  2. Grazie per il commento. Le sensazioni, i protagonisti, la storia, appartengono tutti ad un vissuto reale. Difficilmente riesco a scrivere di cose non sperimentate in prima persona. In caso contrario sarei, probabilmente, già in vetta a spartirmela con Melissa P., magari con un libro chiamato “cento.mazzate.di.mazza prima di andare a dormire”. In realtà questo è solo il piccolo pensatoio di Lyza. la scatola.da.scarpe dove ripongo la cianfrusaglia, le collanine fuori moda, i ritagli di giornale… e cose così. Il mio cavaliere.per.una.notte, tale fu, e non solo per quella. Mi faccio quasi rabbia per averli vissuti, quei momenti così intensi, e poi calciati come un pallone vecchio, con la rabbia di chi è consapevole di avere troppo. Di averlo subito. Di averlo sempre e quando vuole.

  3. La scatola dei ricordi bel modo per definire un blog ^_^

    Melissa non è altro che la faccina da mettere sopra un libro scritto da altri ghost writer.

    Aspetto di leggere altri ricordi che tirerai fuori dalla tua scatolina, come un albero curioso e perverso.

    Jak

  4. Mi piace il modo elegante che hai di raccontare. Il ritmo che sai dare alle emozioni. Se ne può sentire la densità dell’aria attraverso il respiro delle tue narici.

    A rileggerti ancora.

  5. Jakala e M3rlino, grazie di cuore. Un po’ perché ai complimenti non ci credo. Un po’ perché voi siete stati, comunque, convincenti. Li accetto pur non sentendomi una perla rara nel panorama blogghereccio che ci circonda. Certo vero, aggiungo, a me piace descrivere solo quello che conosco. Che a lavorare di fantasia piace lasciare gli altri in religioso silenzio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...