Lampadine

La strada era più buia. Quella notte. Dalla finestra.

Lyz aprì il frigo sperando di trovarci qualcosa di più, per cena, che uomini scaduti da tre giorni, come yogurt del discount, quelli a metà prezzo, quelli che non fai in tempo a portarli a casa e già si sono fatti immangiabili.

La vita era più buia. Quella notte. Negli occhi di Lyz.

Qualcuno le aveva abbassato le saracinesche. E, pure se fuori il sole avesse brillato alto, come la luna piena trionfante  sul velluto nero, non avrebbe veduto cosa alcuna ad un palmo dal proprio naso.

Saliva la nebbia. Tutto era foschia, e bruma, e condensa dalla fessura tra le labbra congeste.

Decise che avrebbe dormito da sola. In quella notte scura.

Ché lo yogurt neanche l’aveva mai digerito davvero. Questo decise.

E che non avrebbe mai più cercato la sua stella in una lampadina a basso voltaggio. Fosse stata da frigo, da freezer, da forno o da incubatrice neonatale.

Prese una coperta fatta all’uncinetto. Ci si scaldo’ il cuore.

Incamminandosi sotto uno spicchio di luna ,  verso la sua prima notte senza sogni.

Scalza e con passo lento.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Lyza Sogni

2 risposte a “Lampadine

  1. Non è la notte senza sogni il problema.
    Ma i sogni senza la notte.

  2. Non è la notte senza sogni il problema.Ma i sogni senza la notte.
    +1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...